Archivio della categoria: Uncategorized

Il sale della terra – film

“il sale della terra” un film di Wim Wenders che narra l’opera di
Salgado con l’energia di sua moglie e dei suoi figli.
Una lettera d’amore al pianeta, un calligrafo della luce, che
percorre vie inarrivabili come Osservatore.
Forse fuori resta tutto uguale, lui, Osservatore, raccoglie le forze umane in tante sfaccettature e gradazioni per arrivare al vettore d’amore che crea la natura, la terra, la Genesi…riGeneSI.
Un’opera lenta e nitida narrata con la qualità dell’Osservatore che osserva, senza rifiuto, senza giudizio, senza aspettativa e che confida con costanza nell’essere umano e nella terra.
Senza lo sviluppo di quelle qualità, a quelli come noi, viene da piangere “senza” sosta.

Guerrieri della luce

Sono tutte le persone che sanno di fare la differenza con la volontà e la scelta quotidiana di ESSERCI e risvegliare per radianza e consapevolezza i cuori di altri esseri umani. Le qualità del cuore: gioia, umiltà, onestà, fiducia, humour, empatia, serenità, armonia, pazienza, apertura, coraggio, saggezza, pacificità, ricettività, dedizione, tolleranza, gentilezza, chiari intenti, collegamento, sicurezza di sé, calma interiore, facoltà di perdonare, amore incondizionato, facoltà di comunicazione, apprezzamento dei valori, avendo cura del proprio cuore.

.volontà1 (1)

Da giovinetta ho trascorso qualche mese a Londra, pur non sapendo esattamente cosa potesse significare, sapevo di dover respirare nel cuore quando mi trovavo nei luoghi pubblici e affollati come la metropolitana londinese; solo molti anni dopo ho scoperto che la presenza di sé nello spazio del cuore genera una vibrazione misurabile da certi rilevatori elettronici; allo stesso modo le persone che si ascoltano e parlano da tale spazio amano senza confondere un’emozione di attaccamento a un’immagine interiore con il vettore amore – la forza - quella che cambia il mondo, quella che ascolta senza giudizio, che vive nel presente.
Che si sviluppa ESSENDO.
5555555

luce1 (1)

Suggerimento verticale: Emisfero Destro

ù poeipoipwoipogfdkj43l weoriwigèrpigèprgi wèpi40’02395ieàwmpoit5’093’0itrokgèit
eroitroeiut95    k438fiqu pqroutqu òsgji5ujh
eqitjroijhotijrh. Gjhkjdhsaruy oiuefasò oivuoq43oithghg
fsdghr kjakhgore hjahgòreoiug òhawoit  lkjoiuàa
aljdhfgiret oiuwqteoyey ahlgkjho iueòoirutoiuoqriu.
dlafjhgsfjhg ljgf wqoitopqiuoiuyr  oiurqportieuoiu.

Cambia – menti

Dal momento che il cambiamento richiede il giudizio per determinare cosa cambiare, il giudizio è l’unica cosa che ci ferma. Allinearci o resistere è la polarità di questa realtà. Se stiamo nel permetterci…cos’altro è possibile?
Chi sono oggi? Se fossi me stessaAltwis-20131027-00724 chi sarei? Che contributo sono? (Access Consciousness)

Il cambiamento odierno attiva il passaggio ad un livello di consapevolezza più evoluto: scrivere, leggere, fare calcoli, utilizzare il computer sono capacità basilari che devono essere integrate ad altri strumenti per poter accedere ad un livello cognitivo superiore che permetta di apprendere altre abilità, di integrare nuove informazioni da analizzare e sintetizzare in modo diverso. Apprendimento trasformativo che ci pone relazione con la nostra intelligenza interiore. (A.Zanardi).
Una buona nuova abitudine è farsi domande lasciando aperta la mente a nuove prospettive che si formano nel presente. In che modo? cosa serve adesso? sono spunti per individuare e codificare segnali nuovi.
Ho sviluppato una piccola attività creativa che è fucina di molti meccanismi aziendali. Aggiornare la visione, i processi, individuare i bisogni, orientare l’intento al risultato che desidero conseguire.
Appunto…, come? Per mesi andando a dormire e facendomi la domanda: cosa serve? qualcosa che serva? Qualcosa che faccia stare bene. Una vera sorpresa trovare gli anelli verdi, swing, move and smiley SMOVEY un prodotto lontano dalla carta (la mission principale) ma vicinissima alla vision della mia vita: aumentare la frequenza vibrazionale di cellule, corpi e cuori in ogni maniera per stare sempre meglio di così. Ho sempre avuto fiducia nella capacità di reinventarmi soprattutto dopo aver sentito, un giorno, il direttore internazionale di una delle più imponenti aziende storiche italiane darmi un monito con una cadenza simpaticamente argentino/russa, a me in procinto di partire per la Francia per un lavoro: “i francesi sono meno elastici di quanto si immagini; gli italiani piuttosto sono in grado di reinventarsi la pipi ogni mezz’oretta”. Agevolando di molto la necessità attuale di fare cambiamenti per tornare nella propria qualità di flessibilità e creatività.